Abbronzatura

Abbronzatura

Per ottenere un’abbronzatura perfettaoccorre prepararsi adeguatamente all’esposizione solare, seguendo alcuni consigli utili per ottenere una tintarella dorata, evitando scottature ed eritemi.
Fare uno scrub prima di partire per le vacanze potrà servire a rendere la pelle più ricettiva ai raggi solari: elimina le cellule morte e riattiva la circolazione.

Le creme idratanti, importanti tutto l’anno, d’estate divengono indispensabili perché la pelle si disidratata più facilmente. Per aiutarla a difendersi dal sole, è bene scegliere un filtro solare che sia adeguato al proprio fototipo: il giusto grado di protezione, in ogni caso, dipende anche dall’intensità della luce e dalla frequenza di applicazione del prodotto. Prima dell’esposizione, deve essere applicato in modo uniforme su tutto il corpo: anche nelle giornate nuvolose o sotto l’ombrellone.
Idratare e proteggere la pelle significa ritardare l’invecchiamento cutaneo e prevenire i rischi di allergie, melanomi e possibili problemi di circolazione venosa.

La cosa fondamentale è abituare progressivamente la pelle al sole, evitando le lunghe esposizioni (specie dei primi giorni) e le ore più calde della giornata (dalle 11alle 15).

Stando in movimento, le radiazioni solari si distribuiscono omogeneamente su tutto il corpo: fare lunghe passeggiate in riva al mare o praticare uno sport sulla spiaggia, è un ottimo consiglio anche per la linea.

E’ bene ricordarsi che la nostra pelle in mare continua ad abbronzarsi: è necessario quindi proteggerla con una crema resistente all’acqua. Attenzione anche all’effetto-lente delle goccioline che rimangono sul corpo e alle superfici riflettenti: favoriscono le scottature e la disidratazione.
Un’esposizione ai raggi solari eccessiva e/o non protetta in modo adeguato, può determinare fenomeni di fototossicità, specie in persone che utilizzano particolari farmaci: in questo caso è meglio chiedere consiglio al proprio medico, al fine di evitare sensibilizzazioni e reazioni allergiche. Profumi ed eaux de toilette alcoliche sono da evitare in ogni caso.

Curare l’alimentazione e bere molta acqua nella stagione estiva diviene ancora più importante: preferire alimenti ricchi di vitamine C (peperoni, agrumi e frutta fresca), di vitamina E (uova e broccoli) e di A-betacarotene (vegetali a polpa rossa o gialla).

Al termine della giornata, eventuali arrossamenti possono essere trattati applicando creme lenitive ad azione antinfiammatoria, a base di ossido di zinco e magnesio silicato. In ogni caso, ogni sera dopo la doccia è bene massaggiare la pelle con un prodotto doposole, in grado di renderla più fresca e morbida.
Mantenere l’abbronzatura
Finite le vacanze e tornati in città, il colore dorato dell’abbronzature tende progressivamente a scomparire. E’ un processo naturale ed inevitabile: in circa 28 giorni, infatti, si completa il ricambio delle cellule della cute, dovuto alla desquamazione, e già dopo una sola settimana lo strato più superficiale della pelle si squama e diventa più secco. La velocità con cui si perde il colorito dipende anche dagli stress e dalle irritazioni a cui la cute è stata sottoposta durante il periodo di esposizione al sole.

Per mantenere il più a lungo possibile l’abbronzatura, è fondamentale mantenere le buone abitudini estive anche dopo il rientro. Preferite la doccia al bagno: il lungo contatto con l’acqua favorisce la desquamazione della pelle. Evitate di sfregare con troppa energia la pelle ed utilizzate detergenti che non lavano via l’abbronzatura: no ai prodotti aggressivi e schiumogeni. Subito dopo, applicate su tutto il corpo una crema idratante: il doposole utilizzato in vacanza è perfetto.
Se sul viso o sul corpo iniziano a comparire le fatidiche chiazze, eseguite uno scrub dolce mentre siete sotto la doccia: in questo modo, eliminerete le cellule morte e la pelle tornerà luminosa.
Quando vi depilate, utilizzate preferibilmente un epilatore elettrico e, subito dopo, mettete una crema idratante a base di ingredienti decongestionanti (camomilla, aloe o malva). La ceretta è uno dei principali nemici dell’abbronzatura[/span]: sia la cera a caldo che quella a freddo, mentre tolgono i peli, sollevano anche parte dello strato più esterno dell’epidermide.

Gli autoabbronzanti

Chi proprio non vuole rinunciare all’abbronzatura, o chi magari non ha avuto la possibilità di passare molto tempo al sole, può sempre fare ricorso ad un prodotto autoabbronzante. E’ bene applicarne prima una piccola quantità su un avambraccio: come tutti i cosmetici, può scatenare reazioni di tipo allergico. Se dopo 48 ore non compaiono irritazioni, potrete applicare il prodotto su tutto il resto del corpo, avendo cura di non rimuoverlo prima che siano trascorsi 30 minuti: in caso contrario, l’abbronzatura potrebbe risultare non omogenea. Dopo l’applicazione, bisogna sempre lavarsi accuratamente, per evitare sgradevoli macchie sulle dita.

Il prodotto ha bisogno di almeno mezz’ora per asciugare: se lo rimuovete prima rischiate di ottenere un’abbronzatura non omogenea.
Se avete utilizzato il prodotto prima di partire per le vacanze, ricordatevi che la doratura prodotta dagli autoabbronzanti non protegge assolutamente dai raggi solari.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine