Fitness per adolescenti

Fitness adolescenti

Durante il periodo dell’adolescenza, il corpo subisce una serie di importanti cambiamenti che conducono ad uno stato dimaturità fisica e mentale. L’attività fisica contribuisce a tale processo di crescita, non solo dal punto di vista fisico, migliorando lo stato di ossa e muscoli: praticare uno sport, almeno fino all’età di 20 anni, favorisce lo sviluppo dei circuiti neuronali dell’individuo e, di conseguenza, le sue capacità cerebrali che potranno essere sfruttate al meglio anche in altri campi (studio, apprendimento, lavoro, etc.).

Gli sport, specie quelli di squadra, risultano particolarmente importanti in questa fase della vita: i giovani imparano a misurarsi con se stessi, a conoscere il proprio corpo e le proprie abilità, a confrontarsi con gli altri collaborando con un gruppo in modo leale e rispettoso. Se l’esperienza del gioco di squadra è già stata sperimentata nell’infanzia, e non si desidera continuare un’attività fisica di questo tipo, esistono molti altri sport che possono essere praticati nell’adolescenza. La maggior parte dei ragazzi di questa età frequenta assiduamente la palestra, ove è possibile seguire molti corsi divertenti e particolarmente utili per la costruzione scheletrica e muscolare (e per una correzione posturale, se necessaria).

Quelle che seguono sono le attività sportive, svolte all’interno delle palestre, che sembrano essere le più apprezzate dai giovani.
Body Building: significa letteralmente “costruzione del corpo” ed è finalizzato all’ottenimento di una muscolatura scolpita e di una maggiore fora fisica. Tale disciplina richiede però una particolare cura della propria alimentazione: la dieta dovrebbe prevedere dosi di proteine 3-4 volte superiori alla norma, per far fronte all’elevato sforzo fisico che essa comporta. Gli esercizi e i carichi di lavoro devono essere equilibrati, non si deve mai esagerare sopravvalutando le proprie capacità: i risultati si ottengono in modo estremamente graduale, in modo da non provocare all’atleta lussazioni, tendiniti e strappi. Occorre ricordare, infine, che l’attività di body building deve necessariamente essere accompagnata da un costante lavoro aerobico, se non si desidera incorrere in un decadimento delle prestazioni del muscolo in termini di velocità e di coordinazione.

Life Pump: è una tecnica di fitness basata su due principi fondamentali: l’equilibrio e la progressività. Gli esercizi non devono assolutamente comportare squilibri di carichi e affaticamenti: l’andamento deve essere graduale. Il life pump è un’intensa lezione di tonificazione, attraverso l’utilizzo di un bilanciere e di dischi di peso differente per gli arti inferiori, superiori e addominali. In questo modo, è possibile migliorare il tono muscolare e rendere più armonico il rapporto tra massa magra e massa grassa. Richiede grande intensità ed impegno muscolare: è infatti consigliata a chi ha già ottenuto una buona tonicità muscolare.
Spinning: coniuga i benefici di una cyclette altamente tecnologica al divertimento dell’attività di gruppo. Generalmente, una lezione di spinning dura circa un ora, che comprende 10 minuti di riscaldamento durante i quali si effettuano anche esercizi con gli arti superiori. Consente di variare la frequenza cardiaca attraverso la modulazione d’intensità degli esercizi; fa lavorare in maniera omogenea la muscolatura di gambe e glutei, potenziandoli e rassodandoli. Essendo un’attività molto impegnativa per l’apparato cardio-circolatorio, è sconsigliata agli anziani e a chi soffre di problemi cardiaci.

Step: è un allenamento aerobico che prevede l’utilizzo di una piattaforma individuale, regolata ad un’altezza che può variare dagli 8 ai 22 cm. Il consumo calorico è di circa 8-10 calorie al minuto: un allenamento costante consente una notevole riduzione della massa grassa e, di conseguenza, un dimagrimento visibile. I benefici, inoltre, coinvolgono tutta la muscolatura, potenziandola e tonificandola, con effetti positivi anche sull’apparato cardio-circolatorio. Le lezioni si dividono in diverse fasi, per rendere graduale l’intensità del lavoro muscolare. Dopo un breve riscaldamento (circa 10 minuti) si inizia a salire e scendere dallo step, seguendo il ritmo della musica e le istruzioni dell’allenatore. Si prosegue effettuando insieme al gruppo una coreografia generale, eseguendo in sequenza vari esercizi che coinvolgono tutto il corpo. Segue infine una fase di defaticamento e di streching , per garantire l’allungamento muscolare ed il genrale rilassamento psico-fisico.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine