Cause della cellulite

Cause della cellulite

La cellulite non deve essere considerata semplicemente uno sgradevole inestetismo: è una vera e propria patologia, causata da molteplici fattori. Ad ogni modo, è il sesso femminile ad esserne maggiormente colpito: l’estrogeno, con le sue implicazioni sul microcircolo, contribuisce ad aggravare gli squilibri ormonali, specialmente nei periodi di maggior attività ovarica. Una predisposizione alla cellulite, infine, può essere indotta da una cattiva postura o da un abbigliamento inadatto, poiché contribuiscono a rallentare il sia il circolo sanguigno che quello linfatico.

Ereditarietà: predisposizione familiare di origine genetica ad una maggiore sensibilità ormonale e da una particolare fragilità dei capillari.

Cause ormonali: gli estrogeni e influenzano lo stato del microcircolo durante i periodi di maggior attività ovarica, specialmente nella pubertà, durante la gravidanza e nella fase che precede la menopausa.

Cause vascolari: elasticità minore dei vasi sanguigni con gravi conseguenze sul flusso sanguigno, specialmente negli arti inferiori.

Patologie varie: disfunzioni epatiche, stitichezza e disturbi intestinali, ogni malattia che causao ritenzione idrica. E contribuisce ad intossicare l’organismo.

Sedentarietà, cattiva postura, abbigliamento: La sedentarietà ha un effetto negativo sia sulla circolazione sanguigna che sul metabolismo. Se associata a fumo, alcool e caffè, le conseguenze sono aggravate. Anche una cattiva postura contribuisce all’insorgenza della cellulite, come pure i tacchi alti e un vestiario troppo stretto, che rallentano ulteriormente il circolo sanguigno e linfatico.

Stress: Ha un effetto negativo sul funzionamento delle ghiandole surrenali, causando ritenzione idrica. Tali ghiandole hanno infatti il compito di regolare l’equilibrio di sodio e potassio. Inoltre, lo stress influenza l’ipotalamo, parte centrale del sistema nervoso.

Alimentazione: L’eccessivo consumo di cibi di origine animale o contenenti grassi saturi, zuccheri e soprattutto sale, rallenta il metabolismo. Una dieta povera di cibi contenenti acqua, vitamine, minerali, pigmenti vegetali e fibra, come frutta, verdura e leguminose, alimenti che aiutano a contrastare l’azione dei radicali liberi. Una sana alimentazione rappresenta un modo efficace per combattere e prevenire la cellulite. Se non si hanno problemi di soprappeso, sarà sufficiente seguire alcune buone norme alimentari.

Suggerimenti alimentari

  • Limitare al minimo l’assunzione di cloruro di sodio (sale), prima causa di ritenzione idrica. In alternativa, può essere usato quello iposodico.
  • Ridurre l’assunzione di alimenti contenenti sostanze eccitanti (come caffeina e alcool). Affaticano il fegato impedendo di espellere le sostanze di rifiuto.
  • Assumere adeguate quantità di zinco, rame e manganese. Consentono all’organismo di produrre antiossidanti.
  • Ridurre l’assunzione di zucchero. Priva l’organismo di potassio.
  • Bere molta acqua lontano dai pasti (possibilmente due litri al giorno). Facilita la diuresi e, di conseguenza, l’eliminazione delle tossine.
  • Mangiare molta frutta e verdura ed aumentare l’assunzione di fibre, favorendo in questo modo la funzione intestinale.
  • Consumare alimenti ricchi di vitamine A, C, E e di bioflavonoidi, utili a contrastare l’azione dei radicali liberi e a rafforzare i capillari.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine