Le patologie delle mani

Le patologie delle mani

Le unghie non sono solo un’importante indice di bellezza, ma anche e soprattutto di salute. Da un loro esame, infatti, è possibile risalire a patologie e disturbi di vario genere, primo tra tutti una alimentazione poco equilibrata. Ecco alcune relazioni tra lo stato delle unghie ed i relativi malesseri o carenze.

Piccole macchie bianche: mancanza di calcio e silicio.
Lunetta bianca alla base che tende a sparire o ad assumere forme irregolari: stress.
Convesse a fondo scuro: patologie respiratorie o cardiache.
Pallide e concave: anemia.
Molli, striate o macchiate: indebolimento fisico.
Colorito violaceo: cianosi.
Colorito giallo o marrone, aspetto irregolare e fragilità: micosi ungueale.
Fragili: vasculopatia diabetica, malattie a carico delle arterie. Può anche essere causato dall’utilizzo di detersivi e solventi.
Chiazza violacea accompagnata da un leggero rigonfiamento: tumore gnomico.
Pigmentazione violacea (tipo ematoma): melanoma maligno

L’ONICOFAGIA

Onicofagia: il vizio di mangiarsi le unghie. Pochi ne conoscono il termine, ma stando alle statistiche ne è affetto il 5% degli italiani, con un apice raggiunto nell’età compresa tra i 10 e i 18 anni. Ha spesso origine nervosa o compulsiva, solo in alcuni casi è causata da disfunzioni del sistema di trasmissione cerebrale. Generalmente, le motivazioni sono:

controllare l’ansia.
reprimere l’aggressività con gesti autolesionistici.
esprimere un bisogno di attenzione (frequente nei bambini dopo la nascita di un fratellino).

Rimedi

Per rendere sgradevole il sapore dell’unghia, si può applicare dell’olio dell’albero del thè (puro o diluito con olio di mandorle dolci).
Per rinforzare la struttura delle unghie, fare uso di integratori alimentari a base di ferro, cisteina e cistina.
Per tentare di eliminare i danni e lenire la parte rovinata, applicare quotidianamente sulla superficie delle unghie prodotti specifici, come l’olio di germe di grano.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine