Erbe Medicinali A-G

Erbe Medicinali A-G

AGLIO
L’aglio può essere assunto sotto forma di estratto fluido, polvere (in capsule),olio (in opercoli), ma anche crudo o cotto. Tali prodotti non hanno nessun effetto negativo sull’alito. Ottimo coadiuvante nella di ipertensione, iperglicemia, arteriosclerosi, problemi circolatori e gastroenterici, affezioni polmonari problemi, caduta dei capelli e contro calli e verruche (uso esterno).

ALGA MARINA KELP
Coadiuvante nella cura di obesità e cellulite e nelle diete dimagranti, è un’alga che si trova sia nell’oceano Pacifico e in quello Atlantico. E’ particolarmente ricca di vitamine, aminoacidi ed alcuni minerali: potassio, sodio, magnesio, cloro e o iodio. Il suo alto contenuto di Iodina la rende utilissima per regolare il funzionamento della tiroide e del il metabolismo.
Va assunta con molta acqua.

ALTEA
Pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Malvacee, è alta fino a 150 centimetri. Possiede una lunga e carnosa radice a fittone, foglie larghe e spesse e fiori larghi fino a 5 centimetri, con corolle a 5 petali cuoriformi di colore variabile dal bianco al rosa. Contiene i seguenti principi attivi: mucillaggini, zuccheri, pectine, vitamina C ed olio essenziale (nelle foglie). Il costituente più importante è il Glucosano, elemento base delle mucillaggini contenute nelle radici.
Particolarmente efficace nella cura di forme catarrali, bronchiti, tossi persistenti, laringiti, faringiti, e tracheiti.

ANANAS
Appartenente alla famiglia delle bromeliacee, se ne utilizza il frutto ed il gambo essiccato per i loro effetti digestivi, diuretici ed antinfiammatori. Il gambo contiene inoltre grandi quantità di bromelina, un enzima che facilita l’assorbimento delle proteine anche più complesse del carne e del pesce. In cosmesi, la polvere dei gambi viene adoperata per il suo effetto diuretico ed anticellulitico, specie se assunta lontano.

ARTIGLIO DEL DIAVOLO
L’artiglio del diavolo è una pianta originaria dell’Africa, che prende il proprio nome dai caratteristici frutti a forma di uncino che, uscendo dal terreno, intrappolano piccoli animali causandone spesso la morte. Se ne utilizza la radice per il suo elevato contenuto di glucoiridoidi, dagli importanti effetti antinfiammatori. Viene infatti adoperate per curare artrite reumatoide, artrosi, tendiniti, contusioni, dolori articolari, lombalgie e le lombosciatalgie. Non ha controindicazioni ed effetti collaterali. Favorisce inoltre l’eliminazione dell’acido urico.

BARDANA
La bardana è conosciuta soprattutto per le sue proprietà astringenti, antisettiche, antiforuncolose ed antiseborroiche. E’ infatti molto utile come coadiuvante nella cura di acne giovanile,seborrea del viso e del cuoio capelluto, psoriasi, malattie della pelle in generale. Svolge inoltre un’azione diuretica e depurativa.

BETULLA
Le foglie di betulla contengono flavonoidi con proprietà diuretiche e depurative. Vengono infatti adoperate come coadiuvanti nella cura di ritenzione idrica, cellulite, ipertensione, calcoli renali ed iperuricemia.

CALENDULA
Le sommità fiorite e le foglie della calendula hanno un forte potere antinfiammatorio e cicatrizzante, sia nell’uso esterno che interno. Le sue principali applicazioni sono le seguenti:
regolazione del ciclo mestruale, contro coliti e ulcere gastriche, per rimarginare ferite e piaghe, contro eritemi, irritazioni, ustioni, punture d’insetti e geloni, per attenuare gli arrossamenti delle pelle dei neonati. Non ha nessun effetto collaterale né controindicazioni.

CENTELLA
Originaria dei paesi caldi, la centella asiatica presenta foglie dalle sommità fiorite che vengono utilizzate le spiccate proprietà di protezione dei capillari. Viene utilizzata infatti nella cura di tutte le patologie della circolazione sanguigna, della cellulite e delle emorroidi.

EQUISETO
L’equiseto, del quale se ne utilizza soprattutto il fusto, viene raccolto ancora giovane e può essere utilizzato fresco o essiccato. L’equiseto ha proprietà diuretiche, depurative, antiemorragiche, antinfiammatorie, cicatrizzanti e rimineralizzanti (specie per l’alto contenuto di silice e potassio). Utile negli stati di stanchezza, per stimolare le funzioni renali, per la guarigione di fratture e artrosi, nella cura di osteoporosi e tendiniti; molto attivo per la fragilità delle unghie e la perdita dei capelli e, all’azione che esercita sulla cartilagine articolare e il tessuto osseo, per l’accrescimento scheletrico degli adolescenti.

FIENO GRECO
I semi del fieno greco contengono sali minerali, oli vegetali, fosfati organici, grassi, proteine, sostanze mucillaginose e trigonellina. Vengono utilizzati come coadiuvante nella cura del deperimento organico, dell’osteoporosi, del rachitismo, nelle convalescenze prolungate, nel periodo di allattamento delle donne e durante periodi di attività fisica particolarmente intensa, come ricostituente.

FINOCCHIO
Il finocchio, del quale viene utilizzati soprattutto il frutto, è stimato per i suoi effetti positivi sia sulla digestione, specie nel combattere coliti ed aerofagia, che sulla montata lattea, rendendo più gradevole il sapore del latte materno. Assunto principalmente sotto forma di capsule, contiene i seguenti principi attivi: pinene, limonene, dipentene, estragolo, borneolo, dipinene, chetone anisico, canfene ed acido metilcaviloco.

GINKGO
Originario dell’Asia orientale, questa pianta esiste da più di 250 milioni di anni. Se ne utilizzano le foglie che, contenendo bioflavonoidi, flavoni e leucoantociani, hanno un grande potere antiossidante, migliorano la circolazione venosa, arteriosa e cerebrale, agiscono sulle membrane cellulari stabilizzandole e bloccano la perossidazione lipidica. Inoltre, riducono i rischi di trombosi e vengono adoperati, oltre che per combattere i radicali liberi, anche nella cura di arteriosclerosi ed arteriosclerosi, emorroidi, geloni, varici e fragilità capillare. In cosmetica, viene utilizzato per la
regolazione della secrezione sebacea.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine