Apparato genitale maschile

Apparato genitale maschile

L’apparato genitale maschile è composto dagli organi adibiti alla riproduzione, al processo di spermiogenesi ed alla produzione di testosterone, l’ormone che sviluppa le caratteristiche sessuali maschili.

La produzione dello sperma avviene nei dei testicoli, le ghiandole sessuali poste all’interno dello scroto. Da qui, attraverso una serie di piccoli canali, lo sperma viene portato ai condotti deferenti. All’estremità del deferente, posta tra la vescica urinaria e l’intestino retto, si trova una vescichetta seminale, che prosegue il suo percorso nel condotto eiaculatore (attraverso la prostata) per poi sboccare nell’uretra.

L’uretra è un condotto comune sia all’apparato urinario che a quello riproduttivo. Ha origine nella vescica: attraversa il pene per tutta la sua lunghezza terminando all’apice del glande. Il pene è l’organo della copulazione: è costituito dall’estremità anteriore (glande), contornato da una piega della pelle (prepuzio) che si unisce al glande attraverso una membrana sottile (frenulo). Il tessuto spugnoso di cui è composto, quando i corpi cavernosi si riempiono di sangue, determina l’erezione.

Spermiogenesi

La spermiogenesi consiste nella produzione del liquido seminale, costituito dal plasma seminale e dagli spermatozoi. Questi ultimi sono cellule dalla forma estremamente allungata, che misurano di 60 micron (60 millesimi di millimetro).

Sono composti da una testa e da una lunga coda, tra le quali si trova una parte intermedia che contiene i mitocondri, necessari alla produzione d’energia. La testa è formata dal nucleo ed è ricoperta da una struttura a forma di cappuccio (acrosoma); la coda consente il movimento della cellula.

Solitamente, l’eiaculato ha un volume pari a 1-4 ml: viene depositato vicino all’orifizio esterno del canale cervicale dal quale, attraverso il muco cervicale, gli spermatozoi più vitali proseguono verso la cavità uterina e le tube.

La vitalità dello spermatozoo è estremamente variabile. Attraverso uno spermiogramma è possibile valutazione la capacità riproduttiva maschile. Vengono esaminate le caratteristiche degli spermatozooi, ovvero:

  • numero: concentrazione per millilitro di liquido seminale (normalmente è di almeno 20 milioni per ml);
  • motilità: percentuale degli spermatozooi che si muove velocemente secondo un percorso rettilineo (normalmente è almeno del 50 %);
  • morfologia: forma e caratteristiche tipiche delle varie parti degli spermatozoi devono essere normali almeno per il 30% di essi.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine