Candida

Candida

La Candida Albicans rappresenta il principale agente patogeno delle infezioni fungine trasmesse sessualmente.

Normalmente è un ospite innocuo della cute, delle mucose e dell’intestino, tuttavia, vi sono alcune condizioni nelle quali la candida può determinare l’omonima malattia: dalla forma latente e asintomatica può determinare una forma clinica particolarmente fastidiosa .

Favoriscono la comparsa dell’infezione gli stati di debilitazione in genere, poiché diminuiscono le difese immunitarie. Inoltre, le terapie antibiotiche e cortisoniche, la gravidanza, il diabete e la mancanza d’aria e la distruzione, tramite farmaci, dei suoi naturali nemici. Nella donna, ad esempio, si può verificare a seguito di una terapia antibiotica che elimini dalla vagina il bacillo di Doderlein, responsabile dell’ecosistema vaginale. Esternamente alla vagina possono essere presenti chiazze rosse estese alla radice delle cosce e alle natiche, fino ad arrivare alla base della schiena.

La candida può colpire la vagina femminile, il glande ed il prepuzio maschile, la mucosa orale e la faringe. Si manifesta attraverso la comparsa di placche bianche su cute eritematosa, con conseguente ed intenso o bruciore. Nella donna, provoca anche inoltre l’emissione di abbondanti secrezioni biancastre dalla vagina.

La diagnosi è molto semplice nella maggior parte dei casi, tuttavia, situazioni particolarmente complesse (diverse infezioni sovrapposte) od ambigue (scarsa sintomatologia) possono richiedere l’analisi di una coltura di materiale organico.

L’infezione si cura con farmaci antimicotici (clotrimazolo, econazolo, itraconazolo, etc.), assunti oralmente o applicati a livello locale: è indispensabile igiene accurata.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine