Acque termali

Classificazione acque termali

Le acque oligominerali contengono una bassa concentrazione di mineralizzatori, alcune tracce di metalli pesanti ed una quantità variabile di gas disciolti. Lavano i reni in profondità, favorendo la prevenzione di calcoli.

Famose per gli importanti effetti diuretici, le acque oligominerali aiutano a mantenersi sani e giovani, depurando l’organismo e migliorando il tono e l’elasticità della pelle. Le acque mediominerali hanno un’azione pressappoco analoga, sono però più ricche di bicarbonato: con l’aumentare del residuo fisso diminuisce progressivamente il relativo effetto diuretico. Le acque minerali, invece, sono caratterizzate da una concentrazione di sali molto variabile: al fine di evitare la comparsa di effetti indesiderati, conseguenti ad un consumo improprio di tali sostanze, la loro assunzione a scopi terapeutici specifici dovrebbe avvenire sotto diretto controllo medico.

Classificazione in base alla composizione salina

Acque Salse o Cloruro-Sodiche: particolarmente ricche di cloruro di sodio, si somministrano prevalentemente come bibita. In alcune si trovano anche solfato e bicarbonato di sodio, calcio e magnesio.

Acque Sulfuree: contengono quantità di zolfo variabili e vengono somministrate per bibita, balneoterapia, fanghi, inalazioni ed irrigazioni vaginali. Molte di esse, per l’alto contenuto di idrogeno solforato, sono caratterizzate da un forte odore (simile a quello delle uova marce). Sono indicate specialmente nel trattamento delle angiopatie e delle malattie croniche, respiratorie, osteoarticolari, cutanee e ginecologiche.

Acque Arsenicali Ferruginose: caratterizzate da un alto contenuto di ferro e da alcune tracce di arsenico, si somministrano per bibita, balneoterapia, inalazioni, irrigazioni e fanghi. Rappresentano un ricostituente naturale ed un ottimo cosmetico per la pelle. Sono indicate specialmente nel trattamento di anemie sideropeniche, diatesi linfatiche, convalescenze, malattie della pelle e nevriti.

Acque Bicarbonato: ricche di bicarbonato, nascono dalle rocce calcaree. La presenza di calcio le rende particolarmente gradevoli al gusto. Utilizzate prevalentemente per terapie idroponiche, possono essere somministrate anche per bagni, docce, irrigazioni vaginali e rettali. Consentono agli sportivi di riacquisire il giusto apporto di minerali, andato perduto con l’attività fisica.

Acque Solfate: ricche di zolfo, si somministrano per bibita, oppure attraverso fanghi ed irrigazioni rettali. Hanno effetti benefici sulla pelle ed i capelli; svolgono un’importante azione depurativa sul fegato.

Acque Carboniche: contenti bicarbonato in varie forme, sono prevalentemente bicarbonato-calciche. Si somministrano per bibita, oppure attraverso balneoterapia, docce, irrigazioni vaginali e rettali. Dal sapore particolarmente gradevole (per la presenza di calcio), vengono utilizzate nei
nei bagni termali per ripristinare l’equilibrio dell’apparato circolatorio.

Acque Radioattive: si caratterizzano per la presenza di tracce di radon. Somministrate per bibita, inalazioni, irrigazioni vaginali, balneoterapia e fangoterapia, consentono di riequilibrare il sistema nervoso.

Acque Salso-Bromo-Iodiche: di origine marina, presentano un alto contenuto di minerali e cloruro di sodio, in concentrazioni variabili. Ottime nella cura delle malattie respiratorie, vengono somministrate per balneoterapia, fanghi, inalazioni e irrigazioni.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine