Talassoterapia

Talassoterapia

La talassoterapia comprende tutti i trattamenti basati sull’azione benefica del clima e dell’ambiente marino.

Tali cure, utilizzate per risolvere diverse sindromi e malattie, si caratterizzano per una serie di importanti effetti benefici: innalzando la soglia del dolore, svolgono una potente azione antidolorifica, donano energia fisica e mentale rivitalizzando l’intero organismo e rappresentano un valido coadiuvante nella cura di distorsioni, contusioni e fratture.

La talassoterapia è indicata principalmente in caso di: artropatie croniche, broncopneumopatie croniche ostruttive, forme infiammatorie nel settore ginecologico, cardiopatie non scompensate, disfunzione delle ghiandole endocrine, problemi fisici nel campo dell’attività sportiva e stati depressivi. Inoltre, risulta particolarmente efficace anche nel campo degli errori alimentari (come la bulimia), nella lotta contro gli in estetismi della cellulite e per curare le varie disfunzioni della pelle.

I trattamenti che seguono sono controindicati in caso di insufficienza renale, cardiopatia scompensata (o non stabilizzata), malattie dermatologiche infiammatorie e/o infettive, sindrome allergica per lo iodio e, soprattutto, in caso di ipertiroidismo o distiroidismo.

Le alghe marine
Ricchissime di vitamine, oligoelementi e sali minerali, le alghe marine offrono importanti effetti benefici per la salute: abbassano il tasso di colesterolo, depurano l’organismo e rappresentano ottimi integratori proteici, mineralizzanti ed antiossidanti. Le alghe possono essere utilizzate fresche o essiccate, attraverso applicazioni locali oppure disciolte in acqua marina nei bagni. Unite ad argilla impastata con acqua marina calda, sono particolarmente salubri per il sistema osseo, specie di chi soffre di forme reumatiche, artriti, lesioni, osteoporosi e rachitismo.

I bagni
L’acqua di mare ha un’importante azione vitalizzante, detergente ed antibatterica. L’immersione del corpo in acque marine consente di migliorare la capacità dell’apparato respiratorio, favorisce la circolazione e l’eliminazione delle tossine e rappresenta un ottimo coadiuvante nella cura di numerose patologie: obesità, infiammazioni di tendini, muscoli e nervi, malattie delle vene e dell’apparato genitale femminile, disturbi della pelle ed infiammazioni delle prime vie respiratorie. Il principale campo di applicazione della balneoterapia, comunque, rimangono le varie forme e localizzazioni dell’artrosi. La temperatura indicata per effettuare i bagni, all’interno di istituti specializzati, è di 38°.

Le sabbiature
Per chi ha problemi di artrosi e reumatismi, le sabbiature rappresentano davvero un ottimo toccasana: immergendo l’intero corpo nella sabbia (esclusi la testa ed il torace) per circa 20 minuti ogni giorno, si può infatti sfruttare la sua capacità di cedere calore senza ustionare, unendo ad essa gli importanti effetti benefici delle acque marine (nella psammatoterapia).

I fanghi
Utilizzando i fanghi, limi di origine sedimentaria marina costituiti da sabbia, argilla, sali ed altro materiale organico imbevuto in acqua marina, si effettuano applicazioni su tutto il corpo o solo su alcune parti (ad una temperatura di circa 40°) a cui seguono, dopo un tempo di posa variabile dai 10 ai 20 minuti, bagni in acqua di mare. Le proprietà curative sono orientate prevalentemente verso il sistema osseo, specie nella cura di forme reumatiche, osteoporosi e rachitismo. I fanghi svolgono anche una profonda azione sulla pelle, rendendola morbida e levigata. Le maschere di fango sul viso eliminano l’eccesso di sebo, eliminando fastidiosi brufoli e punti neri; sui capelli, rivitalizzano il fusto ed aiutano a risolvere il problema della forfora. Inoltre, se applicati con costanza su gambe e glutei, rappresentano un valido aiuto contro la cellulite ed i ristagni di liquidi.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine